LA CITTA’ DELLE STREGHE – di Luca Buggio

AUTORE : LUCA BUGGIO

TITOLO: LA CITTA’ DELLE STREGHE

DATA DI PUBBLICAZIONE: 25 SETTEMBRE 2017

CASA EDITRICE: LA CORTE EDITORE (Collana MILLENNIUM)

GENERE: ROMANZO STORICO

FORMATO DISPONIBILE: E-BOOK/COPERTINA FLESSIBILE

LINK D’ACQUISTO: https://www.amazon.it/citt%C3%A0-delle-streghe-Luca-Buggio/dp/8885516025/ref=as_li_ss_tl?ie=UTF8&qid=1542983538&sr=8-1&keywords=citt%C3%A0+delle+streghe&linkCode=ll1&tag=fantplan-21&linkId=35c4329e4608b0fd7436b93507d229ec&language=it_IT

BIOGRAFIA AUTORE:

Luca Buggio è nato a Torino, dove vive e lavora. Laureato in Ingegneria, è anche scrittore, regista e attore teatrale. Ha esordito nel 2009 con La danza delle Marionette. Con La Città delle Streghe, primo romanzo per La Corte Editore, ci trasporta nella Torino del 1700, in un’atmosfera che sconfina tra il gotico e il thriller, facendocela vivere in tutta la sua magia.

CASA EDITRICE:

La Corte Editore viene fondata da Gianni La Corte nel 2008, ed è una casa editrice  torinese, incentrata principalmente sulla narrativa – Fantasy, Thriller, romanzi sentimentali e storici – e distribuita in tutta Italia da Messaggerie Libri. In dieci anni di attività, si è fatta conoscere da migliaia di lettori arrivando a pubblicare importanti autori internazionali come David Blixt, Johana Gustawsson, Rory Clements, T.M. Logan, Pierre Bordage, Joe Hart e il pluripremiato Jonathan Carroll. 

Da Antonio Lanzetta a Pierluigi Porazzi, da Edoardo Stoppacciaro a Luca Buggio, Eleonora Rossetti e Clara Caroli, la selezione degli autori nostrani è stata fin dall’inizio un punto di forza della casa editrice che ha cercato, nei suoi vari generi, di scegliere penne capaci e voci nuove nel panorama italiano. Grazie all’alta qualità dei romanzi selezionati e all’attenzione a 360° che viene dedicata a ogni singolo libro pubblicato, La Corte Editore ha saputo costruire un rapporto molto forte con i propri scrittori e lettori, proponendo loro letture attraverso cui crescere e divertirsi. 

Nel 2016 La Corte Editore ha rilevato anche un’altra casa editrice di Torino, la Pavesio Comics, per dare nuova linfa allo storico marchio e iniziare, dall’inverno 2017, una nuova e parallela avventura editoriale nel mondo dei fumetti.

SINOSSI:

Agli inizi del 1700 la politica spregiudicata di Vittorio Amedeo II porta il Ducato di Savoia in guerra contro la Francia. Laura Chevalier, cresciuta vicino a Nizza, crede di essere al sicuro fuggendo a Torino, ma scopre che la capitale del Ducato non è una città come tutte le altre. Ci sono cose di cui non si può parlare se non sotto la protezione dei Santi, perché l’Uomo del Crocicchio è sempre a caccia di anime e potrebbe essere in ascolto. Misteriose presenze si aggirano per le vie quando scende la notte e cadaveri mutilati vengono ritrovati la mattina seguente. Lo sa bene Gustìn, un tempo monello di strada che si è fatto le ossa fra imbrogli, furti e truffe fino a diventare una delle spie del Duca. Disilluso e intraprendente, è l’uomo giusto per fare i lavori sporchi, ma anche per mettersi a caccia di banditi, streghe e serial killer.
Le loro vite si sfiorano mentre la città si prepara a sostenere l’assedio che deciderà i destini della guerra e del Ducato, tremando per i segni diabolici, affidandosi ai presagi celesti.Torino 1704. La città magica è crocevia di banditi, streghe e serial killer. Ma esiste davvero “l’Uomo del Crocicchio”? E’ un uomo? Un demonio? O solo una leggenda?

Recensione a cura di Walter Bianco.

La città delle streghe è un Thriller molto complesso, un Romanzo in bilico tra il reale e l’inganno, ambientato in un contesto storico ben definito e descritto da Luca Buggio, dando vita a una narrazione che definirei inaspettata e piacevole. Il libro ha come Protagonisti Laura e Gustin, due anime diverse, due vite differenti ma un destino e una meta comune, raggiunta con motivazioni dissimili, rappresentata da Torino che a mio avviso può essere considerata a Ragione la vera Protagonista “accidentale” del Romanzo. Torino è sempre stata considerata una città avvolta da un alone di Mistero, Magica ed Esoterica sia per questioni di tradizione che per questioni storiche; alcuni considerano Torino geograficamente come uno dei 3 Vertici di un Triangolo Magico (insieme a Praga e Lione) e quindi dotata di una posizione che le attribuisce “influssi” particolari; Altri, piu’ razionalmente, considerano la sua tradizione derivante dal fatto che, quando Il Ducato di Savoia si batté in maniera così decisa e agguerrita per l’Unità d’Italia, scontrandosi con forza contro il mondo Clericale, Torino venne ribattezzata da quest’ultimo come “Diabolica”. Da qui la tradizione ha fatto poi la sua parte, sostenuta anche dai tanti riferimenti simbolici sparsi in città, che viene abilmente utilizzata dall’Autore come sfondo per le vicende dei Protagonisti.

La Trama ci porta agli inizi del 1700, con Vittorio Amedeo II che, per sopravvivere politicamente, muove guerra contro la Francia costringendo Laura Chevalier, cresciuta vicino Nizza, ad abbandonare i suoi luoghi natii, scappando di fatto per raggiungere Torino in cerca di rifugio; Laura ha un carattere gentile e dolce, che metterà alla prova durante le tante difficoltà del suo Viaggio, portandola non solo a una sua maturazione personale, ma anche a trasformarla in una donna determinata e risoluta per affrontare quello che la vita gli riserverà in futuro. Tutto il contrario Gustin che fin da piccolo aveva fatto i conti con il “Fango” della sua condizione, delinquente con esperienze per lavori poco onesti, che improvvisamente viene “riabilitato” a Suddito, da nemico ad amico, ingaggiato per fare da mediatore tra i Savoia e i “briganti”, utili per rallentare la marcia dei Francesi. Quindi due figure diverse accomunate da un destino difficile, raccontare in maniera parallela.

La Narrazione risulta mutevole, i passaggi sono repentini, aiutati da un Dialogo vivo e frenetico, grazie allo Stile Raffinato di Buggio, preciso nei dettagli Storici e sopratutto nel raccontare i luoghi descritti; Senza banalità descrive vicoli e borghi dove la nebbia e le tenebre saranno complici di individui misteriosi e figure magiche, dando l’immagine di una città lontano dalla Tranquillità ma Pericolosa, divisa nettamente tra la parte Nuova, con nobili e borghesi e parte Vecchia, con povertà e degrado.

Tra i Temi Principali quindi abbiamo quello della Magia, un mondo fatto di Streghe e personaggi surreali che, Se da una parte segneranno Laura negativamente, alle prese con le “presenze” percepite e con le sue “capacità” di cui poco alla volta comprenderà il loro utilizzo, dall’altra non condizioneranno per niente Gustin che, più Razionale e pratico, non si farà impaurire cercando la verità ma anche la Giustizia nelle vicende in cui sarà chiamato ad intervenire. Altro Tema è quello della Superstizione, incarnato da diverse figure del libro, in contrasto con figure più scettiche (tipo i Preti) in contrapposizione con il mondo religioso richiamato bene dall’autore dalle diverse citazioni a inizio capitolo (Vd. San Benedetto e Sant’Agostino). Per ultimo, ma non meno importante, come tema IO personalmente considererei il Viaggio come, non solo Principale ma regista di tutto il Romanzo: difatti credo che l’Autore abbia voluto utilizzarlo in maniera simbolica, facendo propria la metafora del Viaggio come ricerca personale dell’individuo per migliorare la propria condizione, un’evoluzione materiale ed spirituale, che è poi la stessa che incontriamo in Laura e Gustin che si sfioreranno solo senza mai incontrarsi, persi nelle loro vicende personali, tristi ma significative, capaci di dare forza per affrontare vicende future. A tal proposito, mi piace citare la frase di uno dei miei autori preferiti, (non me ne voglia il bravissimo Luca Buggio) anche lui Piemontese di nascita che rende bene il mio concetto espresso:

È meglio perdersi sulla strada di un Viaggio impossibile che non Partire Mai”. ( Giorgio Faletti )

Nel complimentarmi con l’autore consiglio il libro a tutti, in particolare a chi ama le atmosfere gotiche, noir e a tutti coloro che vogliono farsi “sedurre” da un Romanzo scritto con passione dove traspare il misticismo e fascino per una Torino dalle tinte Magiche, e personalmente sono curioso di continuare la lettura con (sempre di Luca Buggio) “La città dell’Assedio”, secondo capitolo delle vicende che hanno come protagonisti Laura e Gustin.

Annunci

Una risposta a "LA CITTA’ DELLE STREGHE – di Luca Buggio"

Add yours

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

Crea il tuo sito web su WordPress.com
Inizia ora
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: